Calcestruzzo sostenibile per il nuovo edificio “SQUARE” dell'Università di San Gallo


17 Febbraio 2022


Dopo due anni di costruzione, l'Università di San Gallo inaugura il suo nuovo edificio “SQUARE”, un'imponente struttura in vetro progettata dall'architetto giapponese Sou Fujimoto, che permette una distribuzione adattabile degli spazi. In questo nuovo luogo di riflessione e di lavoro, l'Università di San Gallo esplorerà nuovi metodi  d’apprendimento e d’insegnamento. L'architettura a filigrana, le numerose superfici di rivestimento in calcestruzzo e gli aspetti ambientali hanno posto esigenze estremamente elevate al calcestruzzo. Il cliente ha quindi optato per il calcestruzzo EvopactPLUS, il calcestruzzo prodotto con un impiego efficiente delle risorse, e EvopactZero, il calcestruzzo neutro dal punto di vista climatico.


Il nuovo edificio per la Fondazione HSG è caratterizzato dalla sua struttura aperta e trasparente, che promuove un ambiente di apprendimento interattivo ed è inteso come luogo d’incontro e ispirazione. Come prototipo per l'università del futuro, “SQUARE” offre la massima flessibilità con 15 stanze modulari su tre piani. Il progetto è stato finanziato interamente da fondi privati - più di mille Alumni dell'università e donatori hanno donato un totale di circa 65 milioni di franchi alla Fondazione HSG.
 

Focus sulla costruzione sostenibile 

La costruzione di “SQUARE” ha avuto esigenze particolari per l'ambiente. Per esempio, l'uso di materiali è stato ridotto di circa il 20% grazie all'innovativo sistema a corpo cavo utilizzato per la costruzione del soffitto. Per la soletta del pavimento e, nel seminterrato, il soffitto, le pareti esterne e le pareti senza cemento a vista, il cliente ha optato per il calcestruzzo sostenibile Evopact di Holcim. Dei 6000m3 di calcestruzzo utilizzati nell'edificio, Holcim ha fornito 2000m3 di EvopactPLUS e 1000m3 di EvopactZERO dallo stabilimento di calcestruzzo di San Gallo, a soli 3 chilometri di distanza. “La sostenibilità e l'approvvigionamento regionale erano aspetti importanti del progetto SQUARE. Con il calcestruzzo riciclato siamo stati in grado di integrare entrambi gli aspetti", spiega Ernst Risch, direttore della Fondazione HSG.

La famiglia di calcestruzzi Evopact è composta da aggregati riciclati della regione, il che aiuta a conservare le risorse naturali. Entrambi i calcestruzzi Evopact contengono Susteno, il primo e unico cemento europeo rispettoso delle risorse ambientali con aggregati misti provenienti dalla demolizione di edifici come additivo. Questo cemento dà quindi un contributo essenziale all'economia circolare e preserva lo spazio limitato delle discariche riciclando gli aggregati misti. Rispetto a un cemento sfuso già ottimizzato l'uso di Susteno riduce le emissioni di CO del 10%. Ernst Risch si rallegra: “Con il calcestruzzo riciclato abbiamo implementato una tecnologia orientata al futuro. Siamo felici di contribuire all'economia circolare con SQUARE.”
 

Calcestruzzo a vista estetico

I pilastri portanti, le travi e i soffitti di “SQUARE” creano una griglia aperta di 10 x 10 metri, le cui parti visibili sono fatte di cemento a vista. Poiché la cassaforma per il calcestruzzo a vista era una grande sfida a causa delle forme a filigrana e i punti di pressione dovevano essere evitati a tutti i costi, il cliente si è affidato al calcestruzzo con cemento bianco Superblanc. Quest'ultimo offre una buona resistenza iniziale e finale, oltre a garantire una superficie estetica. Il risultato è un'elegante struttura in cemento armato con un colore uniforme. Per l'Università di San Gallo questa “open grid” è sinonimo di trasparenza e flessibilità.

Contatto per i media

Il nostro team per le relazioni con i media è a disposizione per rispondere alle domande dei media.

Telefono: 058 850 68 48
E-Mail: communications-ch@holcim.com

Photo credits:© HSG Stiftung

Photo credits:© HSG Stiftung, Maris Mezulis

Photo credits:© HSG Stiftung, Chris Mansfield