Utilizzo del calore residuo per risparmiare energia

Nel forno da cemento il clinker viene cotto a una temperatura di 1450 gradi Celsius. Nel processo di combustione si genera una grande quantità di calore residuo, in parte direttamente nel forno, in parte nel processo di raffreddamento del clinker cotto. Per Holcim, questo calore di scarto è un bene prezioso che consente di risparmiare energia: lo utilizziamo per altri processi a monte e a valle nella produzione di cemento, quali il preriscaldamento o l’asciugatura delle materie prime. Il calore che non può essere usato nei processi di produzione viene convogliato nella rete di teleriscaldamento pubblica o convertito in elettricità.

 
Wir produzieren und entwicklen Siggenthal Brennofen

Nei nostri cementifici sfruttiamo più volte il calore residuo del forno rotante: da un lato, utilizziamo il calore del forno per asciugare materie prime come calcare e marna nel mulino per la farina cruda. Dall’altro preriscaldiamo la farina nella torre-scambiatore di calore. Questo significa che quando entra nel forno ha già una temperatura di 900 gradi Celsius.Questo consente di  ridurre l’uso di combustibili. A Siggenthal il calore residuo del raffreddatore del clinker viene inoltre riutilizzato per essiccare i fanghi di depurazione provenienti dal vicino impianto di smaltimento delle acque reflue. Buona parte dell’aria di raffreddamento che usiamo per raffreddare il clinker viene convogliata nel forno sotto forma di aria di combustione fino a 1000 gradi, il che contribuisce a ridurre il consumo di combustibile.


Teleriscaldamento per le economie domestiche della regione

Il calore che non può più venire utilizzato nei diversi processi viene convogliato nelle reti di teleriscaldamento. La partnership industriale Cadcime tra il nostro cementificio di Eclépens insieme ai comuni limitrofi di Eclépens e La Sarraz e il fornitore di energia Romande Energie offre un contributo all’ambiente particolarmente importante. Il calore residuo del forno rotante e del raffreddatore del clinker confluisce in una rete di teleriscaldamento che in inverno fornisce calore a circa 250 edifici residenziali e innumerevoli esercizi della zona. Il calore fornito corrisponde ai consumi medi di circa 2000 economie domestiche. In estate l’energia viene utilizzata per raffreddare il centro postale. Anche il cementificio di Siggenthal convoglia il calore nella rete locale di teleriscaldamento, rifornendo circa 100 abitazioni del territorio.

 

untervaz werk

Elettricità per il fabbisogno proprio a basso impatto ambientale

Il cementificio di Untervaz è uno dei primi stabilimenti di LafargeHolcim a utilizzare i gas esausti  della torre-scambiatore di calore e del raffreddatore del clinker, riscaldata a circa 400 gradi Celsius, per alimentare una turbina e generare elettricità. Ogni anno lo stabilimento produce così oltre tre milioni di kilowattora di energia elettrica a basso impatto climatico, coprendo il cinque percento del fabbisogno elettrico complessivo. Una turbina atta a generare energia è in fase di costruzione nello stabilimento di Eclépens e dovrebbe entrare in funzione alla fine del 2019.