La cava di ghiaia di Aigle: un rifugio protetto del Petit Gravelot

24 Aprile 2020

Conciliare la produzione e la salvaguardia delle aree protette è la sfida raccolta dalla cava di aggregati di Pré-Neyroud, ad Aigle, in stretta collaborazione con Pro Natura Vaud. Dal 2012, ogni anno da aprile a luglio, essa ospita una popolazione di Petits Gravelots, una specie di uccelli a rischio inclusa nella Lista rossa svizzera delle specie a rischio. All'inizio della stagione riproduttiva, abbiamo condotto un'indagine su uno dei migliori siti di riproduzione attuali per il Petit Gravelot nella Svizzera romanda. 

 

Conosci il Petit Gravelot? Questa specie di uccelli migratori della famiglia dei trampolieri è una delle poche che ancora si riproduce in Svizzera. Il Petit Gravelot, considerato a rischio di estinzione, sembra aver legato il suo destino a quello delle cave di ghiaia. Mentre la sua popolazione era in diminuzione fino agli anni '60 a causa dello sbarramento dei corsi d'acqua, lo sviluppo degli impianti di aggregati ha offerto una vera e propria linfa vitale. Le cave di aggregati offrono al Petit Gravelot un ambiente favorevole per la nidificazione e la deposizione delle uova su aree asciutte composte da sabbia, ghiaia e ciottoli. Ogni anno, in tutta la Svizzera ci sono da 90 a 110 coppie di Little Gravelins, tra cui ⅓, che hanno trovato rifugio in impianti di aggregati. Nel 2019, 6 di loro si sono stabiliti nella cava di aggregati di Pre-Neyroud dove hanno partorito 17 pulcini. 

Il frutto di una proficua collaborazione

Per raggiungere questo obiettivo, dal 2012 Holcim ha potuto contare su una proficua collaborazione con l'associazione Pro Natura Vaud e con l'ornitologo Aleksandra Rnjaković, che sta sviluppando l'area dedicata agli uccelli e controlla regolarmente l'evoluzione della loro popolazione.

Aleksandra Rnjaković, che ha redatto una guida pratica per favorire la riproduzione di questa specie nelle cave di ghiaia, valuta molto positivamente la collaborazione con la direzione e i dipendenti del sito di Aigle: "Il problema della perdita degli habitat di cui soffre la maggior parte degli uccelli è un argomento che mi sta molto a cuore e i risultati molto incoraggianti di questo progetto dimostrano che le attività umane ed economiche non sono necessariamente incompatibili con la protezione degli uccelli o della natura".

Un habitat protetto

Per favorire la riproduzione del Petit Gravelot, la gestione della cava di ghiaia di Aigle ha dovuto adattarsi alla loro presenza. Dal 2012 stiamo creando le condizioni ottimali per lo sviluppo degli uccelli chiudendo l’accesso ad un’area del sito produttivo riservata al Petit Gravelot da aprile ad luglio. Questa zona ghiaiosa, adatta alla nidificazione del Petit Gravelot, viene identificata con un anno di anticipo e viene scelta soprattutto per il suo terreno sabbioso privo di vegetazione, oltre che per l'accesso ad una falda acquifera poco profonda.

Per evitare che le uova vengano mangiate prima che si schiudano, si mettono delle gabbie sui nidi per proteggerli da corvi e gabbiani. In alcuni casi, sono utilizzate persino  le recinzioni elettriche per scoraggiare i predatori più grandi come volpi, tassi o gatti.  Queste misure di protezione aiutano anche i dipendenti della cava di ghiaia a localizzare i nidi in modo che possano evitarli consapevolmente.

 
 
photo petit gravelot 1
Zone de nidification Aigle