Ingegneri Donne

12 Maggio 2020

Noi di Holcim crediamo che la parità tra i sessi contribuisca in modo significativo al successo della nostra azienda. Ecco perché ci sforziamo di promuovere la diversità all'interno dei nostri team. Dal dicembre 2019 abbiamo ottenuto la certificazione EDGE, che ci rende una delle prime aziende industriali in Europa ad ottenere questa certificazione. Siamo molto orgogliosi del fatto che Holcim sia un’azienda interessante per le donne e siamo anche lieti di presentarvi due nostre colleghe che ci parlano del loro background e dei loro incarichi: Ramona Goetze e Kerstin Wassmann. 

 

3 domande a Ramona Goetze, operational Manager della Svizzera occidentale di Geocycle (Svizzera)
Eclépens VD

 

Ramona, potrebbe descrivere il suo background in poche parole?

photo ramona goetze focus ciment
Sono originaria della Germania, ma mi piace definirmi europea. Ho studiato ingegneria ambientale all'Università Tecnica di Berlino (TU Berlin) prima di intraprendere una carriera di ricerca nel campo dell'economia circolare e del recupero dei rifiuti. Ho lavorato per due anni come docente-ricercatore alla TU di Berlino, prima di andare a Copenhagen per il mio dottorato di ricerca alla Technical University of Denmark. Alla fine dei miei studi, ho voluto passare al settore privato e sono entrata a far parte del dipartimento di R&S di Arcelor-Mittal in Francia. Questa esperienza mi ha permesso di immergermi nelle sfide dell'industria pesante, ma anche di migliorare il mio francese. Così, quando si è presentata l'opportunità di promuovere l'economia circolare nella Svizzera romanda per conto di Geocycle e della cementeria Holcim di Eclépens, non ho esitato a lungo! 
 
Lei è operational Manager di Geocycle nella Svizzera romanda. Potrebbe descrivere le sue funzioni principali?
 
In primo luogo, sono il contatto diretto per gli otto clienti della Svizzera romanda di Geocycle, l’azienda di Holcim che si occupa del recupero dei rifiuti, a cui offriamo tutta una gamma di servizi per la gestione dei loro rifiuti, che io promuovo. Questi clienti ci inviano tutti i tipi di rifiuti (pneumatici usati, fanghi di depurazione essiccati, legno usato, ecc.) ai quali diamo una seconda vita sotto forma di materie prime alternative o di combustibili sostitutivi. 
 
In tale ruolo, sono responsabile della gestione della fornitura di rifiuti che vengono poi recuperati nella produzione di cemento, alla cementeria Holcim di Eclépens. Devo quindi garantire che i volumi consegnati soddisfino le esigenze dell'impianto, che la loro qualità sia in linea con le esigenze di produzione e che questi scarti non si deteriorino nel tempo. 
 
Inoltre, sono responsabile del coordinamento della gestione dei rischi del recupero dei rifiuti nella produzione di cemento in Svizzera e in Italia. 
 
Quali sono le sue più grandi sfide quotidiane?
 
Prima di tutto, garantire la soddisfazione sia dei nostri clienti che della cementeria. Il mercato dei rifiuti è molto dinamico, e questo richiede la capacità di adattare la strategia in qualsiasi momento per garantire la disponibilità di volumi sufficienti e contribuire così al raggiungimento degli obiettivi economici e ambientali di Holcim a Eclépens. Sono quindi sempre alla ricerca di nuove opportunità, nuovi clienti, nuovi tipi di rifiuti, ecc. 
 
Anche il mantenimento di una qualità uniforme dei rifiuti consegnati alla cementeria è una grande sfida, poiché i rifiuti per loro stessa natura sono in costante evoluzione. Discutere questi problemi sia con la cementeria che con i nostri clienti ci permette di lavorare insieme per sviluppare nuove soluzioni e migliorare continuamente i nostri processi. 
 
Da un punto di vista più personale, lavorare in un team dalle diverse dislocazioni geografiche è una sfida entusiasmante, anche se il superamento delle barriere culturali e linguistiche richiede una certa capacità di adattamento.E’ anche questo che rende la Svizzera così bella!
 
 
 
 
3 domande a Kerstin Wassmann, Ingegnere di prodotto di Holcim (Svizzera) SA                                              
Siggenthal AG
 
 
Kerstin, potrebbe descrivere in poche parole il suo lavoro in Holcim?
 
photo kerstin wassmann3
Do un supporto dal punto di vista tecnico nella vendita di cemento. Questo significa che seguo progetti importanti, sviluppo prodotti e mi occupo anche di eventuali reclami. Ad esempio, se un cliente ha domande sulla resistenza di un calcestruzzo consegnato, analizzo tutte le materie prime utilizzate ed effettuo vari test in loco e in laboratorio. Con l'aiuto di un programma, posso valutare accuratamente in quali condizioni un determinato calcestruzzo è resistente e in che misura.
 
Per quanto riguarda il monitoraggio dei grandi progetti, sono coinvolta, ad esempio, nei progetti Roche 1 e Roche 2. A causa dell'altezza dell'edificio, Roche richiede un'elevata resistenza. Sulla base delle gare d'appalto, definisco le basi per la composizione di un calcestruzzo ad alta resistenza e penso a quali cementi potremmo utilizzare nella ricetta.
 
E lo sviluppo del prodotto?
 
Attualmente sto lavorando allo sviluppo di un calcestruzzo fibrato ad alte prestazioni (UHPFC) unico nel suo genere. Questo prodotto viene utilizzato quando sono richieste una consistenza o una resistenza particolarmente elevate. Uno dei nostri clienti ha bisogno di un UHPFB, ma deve combinare le prestazioni necessarie con il contenimento dei costi. Sto lavorando a una soluzione su misura per questo. L'obiettivo è quello di combinare precisamente le proprietà di un UHPC, ma con il minor utilizzo possibile di risorse.
 
La mia ultima domanda, più personale: cosa l'ha spinta a diventare ingegnere?
 
Ho sempre avuto una particolare propensione verso la scienza e per i dati. Anche mio padre era un ingegnere e mi ha sempre incoraggiato a seguire questa strada. È stato quindi naturale per me intraprendere gli studi di ingegneria civile presso l'Università Bauhaus di Weimar, in Germania. Per lui era ovvio che avrei lavorato in un laboratorio, anche se preferisco di gran lunga stare fuori con i clienti. 
 
A parte il lavoro di laboratorio, quello che mi piace di più del mio lavoro è stare sul campo, quando sono sul posto. Trovare soluzioni a problemi concreti è la mia motivazione quotidiana. All'inizio della giornata non si sa mai esattamente cosa succederà entro sera. Il calcestruzzo ha cinque componenti e ciascuno di essi può essere combinato all'infinito. Nuovi problemi sorgono regolarmente, così come nuove soluzioni e sviluppi. È emozionante!